primum non nocere

In less than ten days I’ll be in Paris and all I want is to feel free, proud and easily happy because I fuckin’ deserve it.

La tequila è la migliore amica delle notti che vuoi trascorrere insonne (o quasi) o almeno così poco sbronza da capire tutto e farsi troppi problemi. O almeno cominciare ad affrontarli. 
Per il resto, Panorama magico come sempre!

La tequila è la migliore amica delle notti che vuoi trascorrere insonne (o quasi) o almeno così poco sbronza da capire tutto e farsi troppi problemi. O almeno cominciare ad affrontarli. 

Per il resto, Panorama magico come sempre!

Ieri c’è stata la festa di Manu (una bellissima ragazza) ed era una festa a bordo/in piscina, nel senso che dopo aver mangiato quello che c’era da mangiare, ci siamo messi su i costumi da bagno e, da fighettini e fighettine in camicia e tacchi, siamo diventati bagnanti dell’una di notte. Il primo bagno di quest’estate si è svolto non sotto il sole ma sotto la luna ed ero così felice ma così felice che non me ne è minimamente importato del mio corpo, dei nei, del trucco che si scioglieva e di tutto quello che sono e che vorrei essere. Sono rimasta sveglia fino alle quattro del mattino, insonne, e mi sono dovuta svegliare alle otto perché sono andata al Magic con Armando, Arianna e Livia e ci siamo stati fino all’orario di chiusura. Mi sono arrostita come un gambero (ricordare a mamma che quella protezione 50 fa cagare), sono passata dal fioraio a prendere i fiori per la festa di stasera di Nathalie (il fioraio somiglia a Walter White sia fisicamente che nei modi di fare) e mi sono fatta una doccia, shampoo, piega ai capelli, prova vestiti, prova vestito definitivo con tacchi e trucco. Poi mi sono svestita per ripulire due bagni e la borsa di stamattina e adesso sono in queste condizioni davanti al pc.
Stanotte vado a ballare al Panorama (E V V A I) con Livia e Martina (siamo il trio delle meraviglie ormai) e con Franci, Andrea e forse altri ma non so quindi boh. Sì, sono tutta una felicità e un’euforia assurda, con sole quattro (stentate) ore di sonno e quattro sigarette e stanotte farò le quattro di nuovo. Questa è estate.
(Questa invece sono io felice perché ho le guance rosse rosse)

Ogni venerdì la stessa storia: guardo la graduatoria, fuori sono impassibile, dentro c’è un pogo di sentimenti che fanno AAAAAAAAAAAHHHHHHHGGGGGGHHHHHHHHHHHAAAAAAAAAANGBSYDGVIYDSFDIFGDKSFDH MORIRETE TUTTI E 203 CHE MI STATE AVANTI

Martedì FYGO @misenocaffè

Martedì FYGO @misenocaffè

La vita è un pendolo che oscilla tra dolore e noia ”infermieristiche non è poi così male” e “non troverò mai un ripiego che mi piaccia”.

Io mi sono sempre chiesta chi è che, all’inizio primo anno, prende la lista con quella cinquantina di iscritti e smista i nomi nelle sezioni. Mi sono sempre chiesta chi è stato a scegliere che Andrea, Martina, Francesco e poi, al quarto anno, Livia finissero proprio nella sezione A. E’ proprio vero che gli amici sono la seconda famiglia, anche perché non ce li scegliamo. Vengono nella tua vita senza un perché, “ciao”, “piacere”, “mi presti la penna?”, “hai un euro per la pizzetta?”, “mi sto innamorando di te”, “ti voglio bene nonostante tutto”, e di nuovo daccapo, senza fermarsi mai. Il caso e il destino sono due immensi bastardi quando si mettono, io ne so qualcosa, ma quando si distraggono sono capaci di belle cose come queste. 

Io mi sono sempre chiesta chi è che, all’inizio primo anno, prende la lista con quella cinquantina di iscritti e smista i nomi nelle sezioni. Mi sono sempre chiesta chi è stato a scegliere che Andrea, Martina, Francesco e poi, al quarto anno, Livia finissero proprio nella sezione A. 
E’ proprio vero che gli amici sono la seconda famiglia, anche perché non ce li scegliamo. Vengono nella tua vita senza un perché, “ciao”, “piacere”, “mi presti la penna?”, “hai un euro per la pizzetta?”, “mi sto innamorando di te”, “ti voglio bene nonostante tutto”, e di nuovo daccapo, senza fermarsi mai. Il caso e il destino sono due immensi bastardi quando si mettono, io ne so qualcosa, ma quando si distraggono sono capaci di belle cose come queste. 

Ieri sera/notte siamo stati a Miseno sulla spiaggia tra i selfie e i messaggi su Whatsapp alla nostra ex prof. di storia e filosofia. Eravamo solo cinque, meglio così dice pure Martina, riusciamo a tenerci meglio in contatto ed è più facile sentirci. E’ stata una bella nottata, sì, ballare come tre (io, Livia e Marta) idiote in riva al mare dicendo “non serve più” e buttandoci tra le onde a riva, come quando in classe non serviva una cosa e la buttavamo dalla finestra. Io l’ho detto penso tre, quattro volte. 
Sono stata un po’ da sola sui lettini a mantenere i posti mentre gli altri erano andati a prendere da bere e sono rimasta così a contemplare il cielo e il mare davanti a me, mentre dietro c’era della musica che andava, andava, andava e non so se era adatta o meno al momento, ma va beh.

Fatto sta che il piano “niente più mezze misure” sta fallendo.  

Sia lodata Via Roma e lo shopping coi saldi. Amen.

Changes. 👌 #inspicio #summer #instaswag #septum #workinprogress

Changes. 👌 #inspicio #summer #instaswag #septum #workinprogress